Archivi

febbraio: 2020
L M M G V S D
« Apr    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
242526272829  

Links sportivi

REGISTRAZIONE

UNA GIORNATA DA RICORDARE

Ci sono giorni che rimangono impressi nella memoria di ognuno di noi, quello vissuto ad Acqui è uno di questi: un mix di emozioni, gioia, allegria e orgoglio che ha pervaso tutti noi che abbiamo partecipato alla più bella trasferta dell’anno.
Il Savona è arrivato all’appuntamento decisivo dopo la vittoria con il Valdaosta, ottenuta con un finale in scioltezza, dopo qualche difficoltà iniziale, a cui Iacolino ha rimediato effettuando i cambi corretti che hanno ridato benzina al motore biancoblù.
Dal fischio finale è immediatamente partita l’organizzazione per la trasferta nella cittadina termale, l’entusiasmo si è diffuso rapidamente tra tutti coloro che hanno a cuore le sorti degli striscioni. La carovana biancoblù si è così formata: pullman, auto, moto .. ognuno si è organizzato come meglio credeva per partecipare a questa giornata storica, per non perdere l’appuntamento con la storia, per poter dire “Io c’ero”.
I savonesi si sono così ritrovati nel settore ospiti dello stadio “Ottolenghi”, troppo piccolo per contenerli tutti. Così, stretti come sardine, i supporters biancoblù hanno dato spettacolo: cori e incitamento da brividi per la squadra dei sogni di quest’anno.
I giocatori hanno risposto come sanno fare: una prestazione di grande spessore che non è stata premiata, per pura sfortuna, dal raddoppio che il Savona avrebbe meritato e che, soprattutto, avrebbe chiuso la partita.
Ancora un volta “Veleno” Cattaneo è stato il protagonista: ha sbloccato la partita, con il quarto gol consecutivo nelle ultime quattro gare, e poi è finito nel mirino del direttore di gara che lo ha punito, molto fiscalmente, con un doppio giallo in pochi minuti.
Rimasti in dieci, i biancoblù hanno risentito della stanchezza e l’orgoglio dell’Acqui è uscito fuori consentendo ai bianchi di casa di giungere al pareggio.
Poco male, dopotutto ciò che è raggiunto con più sofferenza dà anche più soddisfazione!
E così al fischio finale è sceso il silenzio sullo stadio, con il preparatore dei portieri Baratella che, via cellulare, cercava di avere notizie della partita di Casale.
Alla conferma del pareggio è scoppiato il finimondo, giocatori e pubblico hanno dato sfogo alla loro gioia in diversi modi: Ponzo, un grande capitano, si è isolato per gustarsi appieno quei momenti magici, Di Leo si è fatto prendere dalla commozione, il team manager Cavaliere si è messo ad urlare come un forsennato sventolando la maglia celebrativa, Marrazzo sembrava uno sbandieratore di Siena tarantolato.
La gioia è stata genuina e sincera per tutti, anche i tifosi non sono certo stati a guardare: qualcuno ha preferito seguire tutta la festa ancora dagli spalti, altri non hanno resistito e sono scesi sul terreno di gioco per abbracciare i propri beniamini.
La parola più gettonata è stata un semplice GRAZIE, curiosamente utilizzata da tutti gli attori di questa grande festa: i tifosi, memori di tante delusioni, ringraziavano mister, dirigenza e giocatori per la promozione, i gol, lo spettacolo, l’impegno. Questi ultimi a loro volta ringraziavano per il supporto costante e da categoria superiore avuto per tutto l’anno.
Le festa è poi continuata negli spogliatoi, nessuno è stato risparmiato, visto che tutti quanti hanno dovuto fare un bagno non previsto, e si è poi trasferita in Piazza Sisto dove anche il Sindaco ha applaudito questa grande squadra.
Questa domenica al Bacigalupo arriva il Rivoli, per il Savona e per tutta Savona è l’occasione per rinnovare la festa in un grande collettivo abbraccio ai protagonisti di questa incredibile stagione: un presidente e dei dirigenti illuminati, un allenatore esperto e capace, giocatori fuoriclasse per la categoria meritano un grande applauso.
Questi grandi protagonisti non sanno però che il loro miglior premio sarà il fatto di rimanere nel cuore dei tifosi e della città, perché SAVONA NON DIMENTICA.