Archivi

febbraio: 2020
L M M G V S D
« Apr    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
242526272829  

Links sportivi

REGISTRAZIONE

SETTE GIORNI DI FUOCO

Il Savona avrà vita durissima in queste ultime due partite di Marzo. L’inopinata sconfitta casalinga contro l’Entella ha avuto il”pregio” di galvanizzare la truppa di Terzulli, che ha immediatamente rilanciato con un sonante 4-0 all’Aquanera.
Il Savona, dal canto suo, ha avuto la forza di rialzarsi e riprendere il cammino in quel di Settimo Torinese. Strano destino, quello del Settimo: per due volte ha incrociato i tacchetti contro i biancoblù e per due volte ha dovuto fare i conti con la smania della Jacolino-band di rialzarsi dopo le botte (soprattutto al morale) prese contro l’Entella. All’andata fu un 5-0 contro un avversario che pareva quasi rassegnato al ruolo di vittima sacrificale della furia degli striscioni; al ritorno è stato un 2-1 rocambolesco per come sono venuti i gol, ma certamente il divario in classifica si è visto molto più nettamente del risultato finale. Purtroppo con una settimana di ritardo, si è anche vista l’indubbia capacità di gestire la palla da parte del Savona.
Ormai però non è più tempo di guardarsi alle spalle, ma di proiettare lo sguardo oltre: domenica ci sarà la Lavagnese e il Savona scenderà in campo con la difesa dimezzata negli effettivi causa squalifiche. Gli inguaribili ottimisti hanno commentato: “Meglio con loro che con il Casale”, ragionamento che ci può anche stare, a patto che gli striscioni riescano nuovamente a tenere saldamente in pugno il pallino del gioco per tutta la gara, come successo a Settimo. Non dovrebbe essere impresa impossibile, ma il calcio è bello perché imprevedibile.
Il sabato successivo (il 27) si viaggerà alla volta di Casale Monferrato, dove i nerostellati getteranno in campo tute le residue forze per cercare di dare un senso al loro campionato e, in primo luogo, per togliersi lo sfizio di fare un dispetto alla capolista. Due gare per ragioni diverse, come abbiamo visto, tutt’altro che abbordabili: il pubblico non dovrà mancare in nessuna delle due occasioni. Se ci fossero momenti di difficoltà, chi se non gli spettatori dovranno avere la forza di spingere i propri beneamini a gettare il cuore oltre l’ostacolo?