Archivi

febbraio: 2020
L M M G V S D
« Apr    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
242526272829  

Links sportivi

REGISTRAZIONE

LE FRECCE BIANCOBLU’!

P1100801Ma quali “Frecce Tricolori”? Domenica ci sono

Domenica 20 Settembre a Savona è prevista l’esibizione delle “Frecce Tricolori” che, però, verranno anticipate dalle ben più spettacolari “Frecce Biancoblù”.
Perché ridete?
Alzi la mano chi di voi ha visto il Savona segnare 8 gol nelle prime due partite di campionato…
Appunto.
Anche perché l’ultima volta che è successa una cosa del genere erano esattamente 70 anni fa: campionato 1939-40, quello della promozione in serie B. Quindi è perfettamente inutile stare a millantare ricordi fasulli.
Le difficoltà incontrate contro la Sarzanese sono state anche una buona sveglia per tutti quelli che sognavano una marcia trionfale, a botte di 4 e 5 a 0. Non sarà così, lo si sapeva ma bisognava rendersene conto.
Adesso che, un po’ tutti, abbiamo le idee leggermente più chiare in testa, dobbiamo però renderci conto dell’importanza che può avere il pubblico nell’aiutare la squadra: 900 spettatori nella prima partita casalinga. Non tanti, non pochi; soprattutto se si confrontano con le cifre degli altri campi: 350 a Chiavari, 400 a Casale, Sarzana e Lavagna.
Questa è una delle chiavi: portare il Bacigalupo ad essere un campo di riferimento, una tana dove gli avversari sanno di giocare davanti a un numero di spettatori doppio o triplo rispetto a quello a cui sono abituati. Quindi un campo dove si soffre la pressione esterna.
Che c’è, inutile stare a nasconderselo: chi ha praticato un qualsiasi sport sa benissimo la differenza che passa quando si gioca davanti ai parenti o poco più e quando, invece, il pubblico è numeroso. Cambia tutto: dalla capacità di tenuta mentale all’atteggiamento degli ufficiali di gara, dalla possibilità di dialogo con i compagni alle mille altre sfaccettature che può assumere un evento sportivo.
Ecco dove risiede l’importanza della partecipazione del pubblico alla partita: la possibilità di creare l’ambiente “giusto”, cioè le condizioni necessarie e sufficienti affinchè la propria squadra ottenga il risultato migliore con il minore dispendio di energie possibile. Naturalmente non è matematico che ciò accada, perché il calcio è imprevedibile, ma in ogni caso i tifosi sanno di poter uscire dallo stadio con la coscienza a posto quando dicono: noi c’eravamo, è la squadra che stavolta è mancata.
In cuor nostro ci auguriamo che una frase del genere non debba mai essere pronunciata.
Perché la squadra, fino ad ora, non è mai mancata e crediamo che difficilmente lo farà in futuro. La seconda partita casalinga consecutiva sarà, quindi, ragione di più per andare a rendere omaggio a dei giocatori che, in questo primo scorcio di stagione, fanno sobbalzare tutti: amici e nemici.
Sarà anche occasione per andare a divertirsi e vedere giocare al calcio. Dal vivo, tra l’altro. Che rispetto alla televisione è tutt’altro spettacolo: si guarda quello che si vuole guardare e non quello che vuole il regista; si prende il sole (se c’è); si sentono i commenti di altri che, di solito, vedono una partita completamente diversa da quella che stiamo vedendo noi. E quest’ultima cosa è una delle più grandi bellezze e, al tempo stesso, uno dei misteri più insondabili del calcio di tutte le epoche e di tutti i continenti.
In più, c’è la possibilità di criticare agratis con una probabilità del 50% di trovare qualcuno che sostenga le vostre tesi. Andate a fare lo stesso all’Air Show e ve ne accorgete cosa vi dicono i vicini!
E se proprio la moglie-fidanzata-compagna-amante ecc. vi sfinisce con ‘sta storia delle “Frecce Tricolori”, vi suggeriamo questo sottile ricatto (magari, prima, ve lo recitate due o tre volte davanti allo specchio, tanto per trovare la giusta espressione e il giusto tono di voce):
“Donna, ti porto a vedere le “Frecce” solo se prima vieni con me allo stadio!”.
A questo punto le ipotesi sono due: o viene veramente con voi allo stadio o va a vedere gli aerei con un altro.
In ogni caso, vi siete garantiti la possibilità di andare alla partita…